Ho trovato! Da mesi mi domandavo che ci faccia Giulio Gallera ancora all’assessorato alla Sanità della Lombardia e cosa debba fare di più per essere accompagnato alla porta e smettere di fare danni in aggiunta al Covid. Non è bastato che il 23 febbraio suoi dirigenti riaprissero il pronto soccorso di Alzano senza sanificarlo poco dopo l’esplosione del contagio. Non è bastata l’ordinanza che invitava le Rsa a ospitare i malati di Covid appena dimessi dagli ospedali, per un banale equivoco tra il concetto di guarigione e quello di non-contagiosità. Non sono bastati i suoi no alla zona rossa in Val Seriana e la sua ignoranza della legge 833/1978 che gliela consentiva ma lui l’ha scoperta (“Ah, già!”) solo quando ne ha parlato Conte, manco fosse una leggina qualunque e non quella intitolata “Istituzione del Servizio Sanitario nazionale” che regola i suoi poteri.

Non è bastata la tragicommedia del Bertolaso Hospital, la terapia intensiva costruita in Fiera a distanze siderali dal più vicino ospedale, costata 30 milioni e rimasta ovviamente deserta. Non è bastata l’ordinanza che imponeva le mascherine all’aperto in Lombardia e, siccome non ce n’erano, suggeriva alternative tipo “sciarpe o foulard” (ma anche, ad libitum, maschere da sub, cappucci massonici, colli di visone, burqa, caschi da parrucchiere o palombaro o astronauta, passamontagna da rapinatore, elmi da crociato, maschere di carnevale, zucche di Halloween ecc.).

Non è bastata la lettera di tutti gli Ordini dei medici della Lombardia che faceva a pezzi le sue scelte e la sua risposta che li accusava di “fare politica”. Non è bastata neppure la sua pur notevole spiegazione dell’indice R0 (la media statistica delle persone infettate da ogni positivo): “L’indice di contagio in Lombardia è allo 0,51: vuol dire che bisogna trovare due persone infette allo stesso momento per infettare me. E non è così semplice trovarle. Questa è l’efficacia della nostra azione e ciò che ci fa star tranquilli”.

Forse l’han lasciato lì per divertirsi a fingersi positivi e sentirgli dire: “Mi sputi pure in faccia, tanto per contagiarmi dovete essere in due”. O perché ha battuto la testa giocando a paddle e si sperava che fosse rinsavito.

Invece il Gallera della seconda ondata è ancor più Gallera di prima: sui vaccini dell’influenza ha fatto un tal casino che ora li paga 26 euro l’uno anziché 5, l’Aifa gli ha bocciato quelli cinesi. E noi tutti lì a domandarci come possa restare assessore. Poi un amico mi ha girato una sua intervista del 2018 a un sito gastronomico, con uno strepitoso coming out: “Sono Cavaliere del Bollito Misto”. Quindi ogni sera lo servono in tavola sul carrello dei lessi, in salsa verde. Ora bisogna soltanto attendere che lo levino dal menu.

Articolo Precedente

La vignetta di Vauro

prev
Articolo Successivo

Testatina

next