Giallo tattoo d’antan. In Giappone, i tatuaggi sono stati al centro di una diatriba secolare. Elevati ad arte nobile, nel Novecento però vennero messi fuorilegge e i maestri tatuatori s’ingegnarono a camuffare le loro botteghe di Tokyo con insegne varie e false. Tra questi anche il bravissimo Hori’yasu, una specie di Raffaello del dipinto su […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Gli amori difficili di Nick Hornby al tempo di Brexit

prev
Articolo Successivo

Senza guida nel “Futuro” di Beatrice

next