Era il 10 marzo scorso quando a Mount Vernon, nello Stato di Washington, un gruppo di cantanti si incontrò per esercitarsi nel coro della chiesa, come tutti i martedì sera. Sebbene il coro fosse composto da 122 persone, quella sera se ne presentarono la metà, compreso un corista che da giorni non si sentiva bene, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Pace in Libia, alla conferenza tedesca l’Onu si sbraccia: ma al-Sarraj preferisce Erdogan

prev
Articolo Successivo

Juventus, il virus dell’antipatia

next