“La stampa non può essere sottoposta ad autorizzazioni o censure”. (Articolo 21, II comma della Costituzione italiana) Per un movimento politico come i Cinquestelle, approdato in Parlamento sull’onda della legalità e accusato spesso di giustizialismo, rappresentano senz’altro un titolo di merito i due provvedimenti che il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, è riuscito a far […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

L’anno dei pieni poteri di Salvini: l’unico antidoto è la memoria

prev
Articolo Successivo

La vignetta di Franzaroli

next