Se il populismo politico sembra un po’ fiacco, continua a trionfare il populismo culturale: oggi uno scrittore, un compositore, un poeta più è popolare, più è grande e grandissimo. Direte: è sempre stato così… Sì, ma prima qualche piccolo presidio, qualche forma di resistenza erano ancora percepibili, un critico autorevole, un cattedratico non conformista riuscivano […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Falcone dimezzato per zittire i pm

prev
Articolo Successivo

La “Crapa pelada” del duce e la Peppa che amò Caravaggio

next