La vicequestore e la lotta ai clan del Foggiano

“Qui i boss spiano la polizia e sparano con il kalashnikov”

Di Roberta Ruscica
16 Luglio 2020

Non si muove foglia a Cerignola senza il consenso delle quattro famiglie mafiose più potenti. Nella Quarta Mafia, la Società foggiana, i cerignolani sono i più pericolosi: dispongono di un esercito e di armi. Un mese fa, in pieno centro, un pregiudicato è scampato a un agguato: i colpi di kalashnikov risvegliarono la città. Mai […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Gentile utente ti informiamo che gli articoli 4 e 6 delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori” relativi, in particolare, all’accesso ai contenuti e alle notizie pubblicate sul sito sono state modificati.

Ti invitiamo quindi a prendere visione della nuova versione delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori”, cliccando qui