Da capo della Direzione distrettuale antimafia di Milano, Alessandra Dolciha vissuto in diretta i mutamenti della ‘ndrangheta in Lombardia. Dai vecchi boss ai giovani eredi. Oggi si assiste a uno svuotamento dei luoghi storici di insediamento mafioso, con i boss che scelgono località molto più riservate e meno controllate. Dottoressa Dolci, perché questa tendenza? La […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

La vita agra dei rampolli delle ’ndrine in Lombardia

prev
Articolo Successivo

La favola del vecchio marchese, e dei due amanti della moglie

next