La storia dei rapporti tra politica e magistratura sembra un romanzo. Talora avvincente, più spesso desolante. Una trama molto complessa con due costanti: delega e conflitto. Spetta alla politica – e soltanto ad essa – operare le scelte finalizzate al buon governo. Ma ci sono problemi che la politica italiana non vuole o non sa […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

La lettera di Rowling & C. “I progressisti, nuovi censori”

prev
Articolo Successivo

Singer contro Singer. Israel e Isaac: fratelli coltelli

next