La Sentenza arrivò con il digitale terrestre e sventrò Palazzo Grazioli. Erano le 19 e 38 del primo agosto del 2013. Silvio Berlusconi era in tuta blu, accoccolato sul divano insieme con Dudù, l’amato barboncino di colore bianco. Il televisore sintonizzato su una rete “domestica”, Canale 5. Il giudice Antonio Esposito lesse il dispositivo in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

E agli incontri con Berlusconi c’era anche Cosimo Ferri

prev
Articolo Successivo

D’Isa: “Anche Franco scrisse la sua parte della sentenza”

next