“Chi ha lavorato in quella fabbrica è morto subito dopo la pensione”. Antonio Sciortino, figlio di Santo, uno degli operai che lavorarono all’interno dell’ex Montedison (prima Montecatini) di Casteltermini-Campofranco, a cavallo tra le province di Agrigento e Caltanissetta, ha deciso di raccogliere le parole del padre per denunciare quello che è sempre passato sottotraccia nel […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Negazionisti e multinazionali: solo la paura cambia i comportamenti”

prev
Articolo Successivo

Pubblicità regresso – Mercedes: anche i padri ce la possono fare

next