Il sangue sul volto di un giornalista che impreca: “Non ho una lira e mi hanno sfasciato mille euro di telecamera”. I cori “libertà, libertà” e “duce, duce, duce” dopo l’inno di Mameli che diventa canto di tenebra a causa degli interpreti sbagliati. Un paio di cariche contro polizia, carabinieri e cronisti, appunto, minacciati dal […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Tra i danni collaterali del Covid c’è l’anglismo

prev
Articolo Successivo

Brennero, sotto inchiesta il manager “austriaco”

next