Tre settimane fa, 21 febbraio, entravamo nell’incubo col Paziente Uno di Codogno. Fino a quel giorno chi ci avesse raccontato il seguito della storia sarebbe finito non in terapia intensiva, ma nel vicino reparto psichiatrico: alzi la mano chi avrebbe mai creduto possibili le seguenti scene. 1. Christine Madeleine Odette Lagarde, presidente e consulente di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

sabato 14 marzo 2020

prev
Articolo Successivo

La vignetta di Vauro

next