Olimpiadi

Un altro amico di Malagò va ai Giochi

Grande rimpatriata - Nel Cda il governo nomina Toniolo, pure lui legato a “Giovannino”

26 Febbraio 2020

C’è stato un tempo in cui Giovanni Malagò guardava alle Olimpiadi di Milano-Cortina come a un rifugio prezioso, da n.1 dello sport italiano sfrattato dai barbari della Lega. Il sottosegretario Giorgetti aveva approvato la riforma, Rocco Sabelli si insediava alla guida di Sport e salute, società nata per togliere soldi e potere al Coni, Malagò […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.