Nel Movimento dove prima c’era un capo e ora c’è un reggente sono tempi da liberi tutti: perché le anime sono tante ma di struttura vera non ce n’è neppure una. Così quasi tutti dicono quasi tutto, e da un lato è democrazia, dall’altro è confusione in purezza, che poi è quanto si aspettava il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Fatto a mano di Natangelo

prev
Articolo Successivo

De Luca non molla, ma il voto di domani può essere decisivo

next