C’era quasi riuscito, lo schermidore Daniele Garozzo, a farla franca. Certo, schivare gli assalti reali di un fioretto (come quelli metaforici delle domande) è la sua specialità. Ce l’aveva messa tutta per lasciarsi inquadrare solo di profilo come quando gareggia, mostrando solo una parte di sé, quella ufficiale, la stessa che concorre – sempre con […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Roma, ecco la sorpresa: la cortesia sopravvivive su un taxi e alla stazione

prev
Articolo Successivo

“Honda e”, tecnica e stile. L’elettrica dalle linee vintage

next