Nella palude romana i clan sono come l’idra, il mostro acquatico a sette teste, che tagliate ricrescono sempre. “Er Più” a Roma non esiste, c’è spazio per tutti e i capi sono tanti. Le mafie tradizionali – camorra, cosa nostra, ’ndrangheta – continuano a fare affari e soprattutto a ripulire i loro capitali illeciti, immettendoli […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Mail Box

prev
Articolo Successivo

Nuovo incarico per Legnini: ora è commissario post-terremoto

next