“Una nave carica di materiale bellico destinato all’esercito saudita può transitare in un porto italiano senza violare la legge se la spedizione è gestita da un soggetto estero. Se a gestirla è un italiano, occorre l’autorizzazione dell’Unità autorizzazioni materiali armamento – Uama (facente capo al ministero degli Esteri, nda)”. A sostenerlo è Gabriella La Fauci, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Eternit, la morte non si prescrive: “A Casale ancora 50 casi all’anno”

prev
Articolo Successivo

Patrick Zaki resta in cella. La famiglia: “È spaventato”

next