La scarcerazione alla spicciolata dei detenuti per corruzione, concussione e peculato (prima pochi, ora zero), grazie all’incredibile sentenza della Consulta sulla Spazzacorrotti, riporta indietro le lancette dell’orologio al 14 luglio 1994. La notte precedente, mentre gli italiani sono distratti dalla semifinale mondiale Italia-Bulgaria (2-1, doppietta di Baggio), il primo governo B. vara il decreto Biondi, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

venerdì 14 febbraio 2020

prev
Articolo Successivo

La Testatina

next