Appena hanno saputo dell’incidente, dall’Agenzia nazionale sulla sicurezza ferroviaria (Ansf) è iniziato un raro brulicare operativo: sopralluoghi, partecipazioni alla commissione d’inchiesta, nervosismo. Per chi deve vigilare che i gestori della rete (o meglio il gestore unico, Rfi) assicurino sicurezza e manutenzione l’incidente di Lodi è un altro duro colpo nel giro di pochi mesi, da […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Il disastro del Frecciarossa indagati cinque operai Rfi

prev
Articolo Successivo

I sindacati: no all’ipotesi dell’errore umano. “Ora ridiscutere il mito del treno sicuro”

next