Sembrano (porno) influencer, ma il prodotto sono loro stessi. Molti si vedono come dei creatori di contenuti “perché – spiegano – per mantenere viva l’attenzione dei fan devi dar loro sempre qualcosa di nuovo e intrigante e soddisfare le loro fantasie”, quindi è importante che un topless sia originale o che si possa chattare privatamente […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Fiaccole per Regeni in tutta Italia. La madre: “Finora 4 anni di fuffa”

prev
Articolo Successivo

Madrid sull’orlo di una crisi diplomatica: colpa di Caracas

next