Il diverbio è tutto lessicale. Un vigile urbano di Palazzo Vecchio lo saluta così: “Buongiorno Professor Conte”. Sorriso e foto d’ordinanza. Clic. Appena passa la fiumana, però il pizzardone rimprovera il collega: “Adesso è Presidente, bischero”. La giornata fiorentina di Giuseppe Conte per inaugurare l’anno accademico sta tutta in questo dilemma: lui è un po’ […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Niente accordo, solito Renzi: gela tutti sulla prescrizione

prev
Articolo Successivo

Allarme di cronisti ed editori “Arriva un nuovo bavaglio”

next