Leggiamo sempre più spesso che i giovani dei Fridays for future provano a cambiare il modello di sviluppo verso un “capitalismo più pulito”. Non so a voi, ma a chi scrive l’espressione non fa venire in mente solo le emissioni inquinanti (che pure sono un gigantesco problema), ma anche la miseria in cui – grazie […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

#digiunopersalvini: boom di adesioni (però dopo colazione)

prev
Articolo Successivo

“Tony & Tina Show”: al confronto, le nozze trash erano molto sobrie

next