Michele Ainis è un costituzionalista capace di usare con bravura altri strumenti, oltre al saggio e alla nota scientifica, per esempio il romanzo, quando vuole condividere storie che sa e che racconta trattenendo sempre l’attenzione del lettore. Il suo nuovo libro, Demofollia, la Repubblica dei paradossi (La Nave di Teseo Editore) è un ben organizzato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Dio è un algoritmo: ecco a voi la prima macchina vivente, con cellule di rana

prev
Articolo Successivo

Gli Addams della porta accanto

next