Icorpi sono ancora per strada, alcuni accasciati in macchina e altri riversi sulla strada sterrata, tra i palazzi della zona residenziale di Ain Zara. La periferia a sud di Tripoli, negli ultimi mesi è rimasta travolta dalla furia dei combattimenti tra le forze del generale Khalifa Haftar e i gruppi armati della coalizione del governo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

La vignetta di Franzaroli

prev
Articolo Successivo

Migranti, dalla Grecia a Lampedusa: migliaia di minorenni reclusi nei campi. Associazioni: “Anche in Italia situazioni di illegalità”

next