Spaccatura in tre in V commissione del Csm, con tanto di astensione senza precedenti del presidente, sul voto più atteso: quello del procuratore di Roma. Ora entrano nel vivo le trattative per una maggioranza ampia e non risicata come è adesso, su un candidato che era dato in pole position: Michele Prestipino, il reggente della […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

La Lega pressa la Consulta sul maggioritario

prev
Articolo Successivo

Consip, la Procura vuole Matteo Renzi in aula come teste

next