Le manifestazioni popolari che hanno portato alle dimissioni del primo ministro Abdul Mahdi, filo-iraniano come tutti i suoi predecessori del dopo Saddam, e l’attacco dei giorni scorsi delle milizie irachene filoiraniane presenti in Iraq (ce ne sono 63) all’ambasciata americana a Baghdad sembrano appartenere, all’apparenza, ad ambiti diversi. Le prime sono le classiche manifestazioni sociali […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Contratto e concorsi: cosa aspetta la ministra

prev
Articolo Successivo

La sentenza Dosio non regge: ecco perché

next