Borraccia rossa, tazza termica, pallina di Natale decorata: sono alcuni dei prodotti solidali natalizi della ong Save The Children. Calendari, shopper, felpe e biglietti di auguri sono invece le proposte “buone” di Medici senza frontiere, mentre Unicef si sbizzarrisce con peluche, penne, palline da golf, racchette, palloni e portamerende e Emergency, oltre a bavaglini, astucci, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Efe Bal: “Le feste sono una galera. Mariti a trans prima del cenone”

prev
Articolo Successivo

Berlusconi ha vinto e s’è preso tutto: “Salvini e Renzi sono i suoi veri eredi”

next