La rapida e vorticosa regressione del dibattito pubblico verso l’età della pietra, con tutto il rispetto per l’Uomo di Neanderthal, non è solo colpa dei social populisti e sovranisti. Ma anche dei loro presunti avversari, perché è il frutto di un impazzimento collettivo, che coinvolge anche chi dovrebbe fornire all’opinione pubblica gli strumenti logici e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

La vignetta di Vauro

prev
Articolo Successivo

La Testatina

next