Un’invasione di giocattoli tossici, per lo più cinesi, destinati – o già in circolo – al mercato unico europeo. È quanto risulta dai numeri 2019 del Rapex (Rapid exchange information system), una piattaforma comunitaria che consente alle autorità degli Stati membri di scambiarsi informazioni sui prodotti (non alimentari) dannosi per la salute in commercio nell’Unione. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Da Monicelli a Mauss, storia di un regalo diventato “sacrificio”

prev
Articolo Successivo

“Competitivi tra poveri: è la guerra dei precari”

next