La famiglia non accetta di chiudere per sempre la vicenda della morte di Imane Fadil. E fa opposizione alla Procura di Milano che il 18 settembre ha chiesto l’archiviazione dell’inchiesta aperta dopo che la ragazza si era spenta, per motivi non chiari, il 1 marzo 2019 all’ospedale Humanitas di Rozzano. L’indagine, per omicidio, aveva ipotizzato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Italia.Doc, su Loft #Toscana, il terzo video-reportage sulle regioni. Arte, turismo di massa, industria e la nuova dimensione cinese di Prato

prev
Articolo Successivo

“Devi morire”: la banda delle torture in carcere

next