Era l’11 novembre 1934 quando l’allora studentessa quindicenne Bianca Guidetti Serra (Torino, 1919–2014) annotò nel diario: “Come passa il tempo! Sono già in quinta ginnasio, e mi pare ieri che ho incominciato le scuole. Probabilmente studierò legge, e col tempo occuperò lo studio di papà. Avvocatessa Bianca Guidetti Serra (…), ecco il mio luminoso e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Scuola, la spina dorsale dell’Italia che annaspa: “L’istruzione ci salverà”

prev
Articolo Successivo

A lungo termine. Il noleggio è a quota 1 milione

next