Sebastiano Ardita attualmente è consigliere del Csm, fino all’anno scorso era procuratore aggiunto di Catania. Pm antimafia e anti corruzione, è un conoscitore del mondo delle carceri: è stato direttore generale dell’Ufficio detenuti dell’amministrazione penitenziaria (Dap). Quanto conta per Cosa Nostra, per la ‘Ndrangheta e per le altre mafie ottenere la fine dell’ergastolo ostativo? Ne […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Ergastolo: in attesa dell’Europa 250 detenuti ricorrono all’Onu

prev
Articolo Successivo

Quelle regole spezzano la forza dei clan. Farne a meno significa armarli di nuovo

next