La doppia missione in Italia di William Barr, su mandato di Donald Trump per ribaltare la prospettiva del Russiagate, da favorito a vittima, fa parecchio rumore e promette conseguenze più per la forma che per la sostanza. E stavolta la forma è più rivelatrice della sostanza. Il ministro della Giustizia, cioè il procuratore generale, ha […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Brutte notizie dal Gup anche per babbo Renzi

prev
Articolo Successivo

Savoini e la Lega in Russia: la motivazione del Riesame. Metropol, “colpo grosso”. E occhio ai “telescopi”

next