Il capo politico non è più vicepremier e ormai neppure più un ragazzo, ha qualche capello bianco e il volto di una statua di sale accanto a Giuseppe Conte, il presidente che si sente molto più primo di lui. Ma il Luigi Di Maio che nell’aula del voto di fiducia non ha voglia di sorridere […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Domani vedo Conte e iniziamo a lavorare su migranti e bilanci”

prev
Articolo Successivo

Boschi quasi non applaude. Si apre la caccia ai 21 posti

next