Ogni luogo ha un’anima che segna, coinvolge, trascina. Così è successo, del tutto improvvisamente, anche per Matteo Salvini. “Nei momenti più facili sei pieno di amici. Poi quando ti trovi nella difficoltà la metà di quelli che ti salutavano cambia marciapiede, ti lascia da solo”. Gli sconfitti della droga, i ragazzi che per ritrovarsi sono […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Del Debbio sfida la Ceccardi per la candidatura

prev
Articolo Successivo

Calci al bimbo di colore: niente aggravante razziale, per ora

next