La Cina torna a minacciare di intervenire a Hong Kong grazie a una legge d’emergenza, a poche ore dallo “scivolone” della governatrice Carrie Lam; le agenzie di stampa ieri hanno rilanciato un audio carpito durante una riunione durante la quale Lam ha ammesso che si dimetterebbe volentieri, ma non può farlo. Pechino corre subito ai […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Villani, un disobbediente per Parigi

prev
Articolo Successivo

“Maradona? Solo tecnica. Van Basten: un’orchestra”

next