La battaglia annunciata dal premier incaricato Giuseppe Conte per riformare il Patto di Stabilità europeo è già cominciata. Ma non è affatto detto che gli eventuali cambiamenti siano nell’interesse dell’Italia. “Mi piacerebbe molto che l’Italia desse un contributo critico per adeguare il Patto di Stabilità al nuovo clima economico”, ha detto Conte domenica alla festa […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il “fascista di Roma” che sognava le Bahamas

prev
Articolo Successivo

La quintessenza della medietà senza guizzi? È Zingaretti

next