Otto giorni dopo la scomparsa del figlio Simon Gautier, il 27enne francese inghiottito nel buio di un crepaccio del golfo di Policastro nel Cilento durante un’escursione solitaria, la signora Delphine Godard non si dà per vinta: “Mio figlio è vivo, dobbiamo intensificare gli sforzi per trovarlo”. E lancia un nuovo appello dall’emittente Lci: “Nonostante la […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

“La bolla delle azioni porterà presto a una nuova recessione”

prev
Articolo Successivo

Gli stranieri in fabbrica coperti d’insulti sui social

next