Romania

Bucarest, l’inferno dell’eroina

Dalle tubature all’aids - Nel sobborgo di Ferentari tra siringhe e rifiuti vivono i fantasmi della droga: intere famiglie, dai nonni ai nipoti

11 Agosto 2019

Il primo passo che faccio scendendo dall’automobile è in mezzo a un tappeto di rifiuti. La scarpa affonda tra l’immondizia. Non siamo in una discarica ma a Ferentari, settore cinque di Bucarest, l’inferno d’Europa. Per arrivarci bisogna abbandonare il centro in direzione sud-ovest. A meno di cinque chilometri dalle strade della movida c’è un’altra via: […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 11,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Gentile utente ti informiamo che gli articoli 4 e 6 delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori” relativi, in particolare, all’accesso ai contenuti e alle notizie pubblicate sul sito sono stati modificati.

Ti invitiamo quindi a prendere visione della nuova versione delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori”, cliccando qui