Il primo passo che faccio scendendo dall’automobile è in mezzo a un tappeto di rifiuti. La scarpa affonda tra l’immondizia. Non siamo in una discarica ma a Ferentari, settore cinque di Bucarest, l’inferno d’Europa. Per arrivarci bisogna abbandonare il centro in direzione sud-ovest. A meno di cinque chilometri dalle strade della movida c’è un’altra via: […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Capitalismo fatale, o della libertà d’ammazzarsi di più

prev
Articolo Successivo

Epstein si suicida in cella, troppi dettagli perversi

next