“Renzi si è infatti presentato al Paese quasi sempre sotto il segno del troppo, della sproporzione. Eccesso di movimento. Eccesso di ottimismo, eccesso di hybris, eccesso di comunicazione, eccesso di parola: il ‘di più’ è stato consustanziale sia alla sua figura, sia alla sua ascesa che al suo declino”. Giandomenico Crapis : “Matteo Renzi dal pop […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Tajani gli dà il via libera e lo scorta in redazione

prev
Articolo Successivo

La vignetta di Beppe Mora

next