Ragusa, il delitto imperfetto del principale sospettato La Corte di Cassazione ha confermato la condanna a vent’anni di reclusione per Antonio Logli, colpevole di omicidio volontario della moglie Roberta Ragusa, sparita dalla sua casa di Gello, a San Giuliano Terme, nella notte tra il 13 e il 14 gennaio 2012. La Suprema Corte ha […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

La vignetta di Beppe Mora

prev
Articolo Successivo

2019: la scomparsa dell’America

next