Il Consiglio europeo ha scelto i nomi che dovrebbero guidare l’Unione europea per i prossimi cinque anni. Il metodo che ha portato a queste nomine è così inaccettabile da rappresentare un’opportunità storica. Il disagio è diffuso. Quali che possano essere i meriti dei candidati, e ce ne sono veramente pochi, il processo di selezione rischia […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La vignetta di Franzaroli

prev
Articolo Successivo

Formula Uno. La crisi della Ferrari è la stessa del Paese: un’eccellenza senza strategie

next