Zingaretti ha vinto largamente le primarie raccogliendo una domanda di discontinuità rispetto alla stagione renziana. Comprendo la sua cura per l’unità del partito e dunque la discontinuità in uno stile di leadership non divisivo. Dopo la deriva renziana verso il partito personale (il PDR), lo svuotamento degli organi collegiali di partito, le direzioni ridotte a […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Perché non ci sarà la guerra all’Iran

prev
Articolo Successivo

Dibba e la dittatura del ‘politicamente corretto’ e noioso

next