C’era una volta uno scorpione che voleva attraversare un fiume e, non sapendo nuotare, chiese a una rana, che si accingeva anch’essa alla traversata, di traghettarlo sull’altra sponda. La rana gli rise in faccia: “Non sono mica matta. Se ti carico in groppa, tu mi pungi e mi uccidi”. E lo scorpione: “Neanch’io sono matto: […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

mercoledì 5 giugno 2019

prev
Articolo Successivo

Mannelli

next