La battuta che corre nelle chat dei magistrati è di scarsa fantasia: “Porca trojan”! Ironia che prova a sterilizzare l’incubo inconfessabile: che prima o poi possa toccare persino a uno di loro, come è successo al pm di Roma Luca Palamara, già presidente dell’Anm e fino al 2018 consigliere del Csm in quota Unicost: ritrovarsi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

La rete di Palamara e la diffusione del “complotto” Eni

prev
Articolo Successivo

Si rischia il colpo di grazia da chi non vede l’ora di regolare i conti

next