Il Paese Italia, che da molto tempo era di umore pericolosamente instabile, e sembrava incline a celebrare con un po’ di serenità solo le feste comandate (quasi sempre religiose), a un certo punto è caduto nel malumore. Il malumore non è pessimismo (sarebbe un’idea cui seguirebbe fervida discussione). Piuttosto è una forma di depressione collettiva. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La vignetta di Franzaroli

prev
Articolo Successivo

Bisogna aprire il cuore allo Spirito Santo e alla pace di Gesù

next