Non sempre la soluzione la si trova nel mezzo. Non c’è una “giusta misura”, un equilibrio possibile tra liberalizzazione dei mercati globali e nazionalismo sovranista. La via di uscita la si può trovare solo prendendo le distanze da tutti e due i poli del dilemma faustiano. Le antiche, rimpiante forme di mediazione/compensazione tra libero mercato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La vignetta di Franzaroli

prev
Articolo Successivo

Brexit. La May tra il martello dei Comuni e l’incudine dell’Ue: tutto è ancora possibile

next