L’autopsia di una 59enne ravennate morta il 5 maggio scorso all’ospedale di Ravenna per un sospetto caso di Creutzfeldt-Jakob, una cui variante è meglio nota come “morbo della mucca pazza”, è stata eseguita ieri all’ospedale Bellaria di Bologna. Una precauzione chiesta dal Pm ravennate Monica Gargiulo nell’ambito dell’indagine che vede 40 persone tra medici e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

La Regione Lombardia ricompra l’ex chiesa per evitare la moschea. “Soldi buttati, ci saranno ricorsi”

prev
Articolo Successivo

Brexit Party: Nigel Farage e il partito che non c’è

next