“Terminata la stagionatura, se andrete ad acquistare un prodotto marchiato Parma, rischierete una volta su tre di essere frodati”, cioè di comprare un prosciutto fatto con la carne di maiali allevati sì in Italia ma figli di scrofe inseminate con maiale danese “durok”, più magro, molto richiesto, ma escluso dal disciplinare di produzione che consente […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Due viadotti del Veneto nell’inchiesta Autostrade

prev
Articolo Successivo

Crono a Roglic, ma Nibali regge. Conti sempre rosa

next