L’immagine delle squadre della Digos (Divisione Investigazioni e Operazioni Speciali) che entrano in una scuola per sgominare il crimine è clamorosa, plumbea, ma non inedita, specie da quando dalle parti del governo si è cominciato a guardare ai ragazzini come a potenziali narcotrafficanti da serie tv. Ma, pur con tutte le violenze che sono state […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Spegniamo la tv: guardiamo l’europa

prev
Articolo Successivo

Egregi Di Maio e Salvini, i vostri battibecchi hanno rotto gli zebedei

next